Necessità di aumentare la capacità delle capsule farmaceutiche


La sfida

Un prodotto di un’importante multinazionale era sotto attacco, ma non per motivi di efficacia. L’efficacia era infatti ben consolidata e il prodotto era stato raccomandato con fiducia dai medici e accettato senza problemi dai pazienti. Purtroppo, quella stessa efficacia e tutte le altre caratteristiche del prodotto venivano minate non da forze esterne ma dal prodotto stesso. Nello specifico, alcune capsule farmaceutiche si rompevano perdendo i 450 mg di dosaggio, un problema descritto nei reclami dei clienti come capsule farmaceutiche “che perdono polvere” o “che esplodono”. Non c’è da stupirsi che questa situazione stesse inficiando la qualità del prodotto percepita così come quella reale, generando dubbi, minando la fiducia e distruggendo la fedeltà al marchio.
Il provider esistente aveva suggerito di passare a capsule farmaceutiche più capienti, ma il cliente voleva evitare questa soluzione, a causa delle complicazioni e delle ramificazioni finanziarie associate alla variazione di produzione e confezionamento. Quindi, a SFI Health è stato affidato il compito di trovare una nuova soluzione che avrebbe contenuto i danni, invertito l’implosione e salvato la reputazione del marchio prima che la situazione diventasse irrecuperabile, e idealmente senza modificare il metodo di somministrazione.

La soluzione di SFI Health

Attingendo alle nostre risorse di produttori conto terzi di capsule farmaceutiche e alle reti di esperti a livello mondiale, abbiamo condotto un esame approfondito di ogni aspetto della catena di produzione del prodotto. Da questo esame è emerso che le capsule si danneggiavano perché erano troppo piene, non a causa del contenuto eccessivo, ma perché questo non era sufficientemente compatto. La nostra soluzione prevedeva la sostituzione del metodo di formulazione precedente con una diversa tecnica di frantumazione/macinatura disponibile in uno dei nostri stabilimenti produttivi. Questa tecnica avrebbe reso più densi gli ingredienti senza modificare la quantità fisica di materiale presente in ciascuna capsula e senza intervenire sui claim in etichetta.

Risultati

Il nuovo metodo produttivo ha reso più denso il contenuto delle capsule farmaceutiche fino a livelli qualitativi che hanno soddisfatto le alte aspettative sia dei medici che dei pazienti, oltre a non influire sui claim in etichetta. I reclami per capsule “che perdono polvere” o “che esplodono” si sono interrotti e sono state evitate le spese e tutta la complessità del passaggio a capsule di dimensioni maggiori. Il problema è stato risolto solo tre settimane dopo la nostra discussione iniziale sul problema. Sulla base della risposta positiva ricevuta dalla reintroduzione del prodotto sul mercato, il cliente ha raddoppiato le vendite previste per il 2021.

Sei interessato ai nostri servizi, prodotti private label o case studies?

Fai il primo passo e compila il form sottostante senza impegno:
uno dei nostri consulenti dedicati ti ricontatterà.

"*" indica i campi obbligatori

Consent*
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.